Richard Ashcroft, svolta dance con il secondo singolo ‘Hold On’

ashcroft-hold-onQuesta mattina Richard Ashcroft ha pubblicato ufficialmente Hold On, secondo singolo estratto dall’album These People, in uscita il prossimo 20 maggio. Il brano, un trascinante mix di dance ed elettronica che sta facendo molto discutere i fan del cantautore di Wigan, è già stato trasmesso da alcune radio europee e può essere ascoltato fin da ora sul suo canale YouTube ufficiale. È tempo di passare dalle parole alla musica: buon ascolto, a voi il giudizio…

Annunci

5 thoughts on “Richard Ashcroft, svolta dance con il secondo singolo ‘Hold On’

  1. bisogna ascoltarlo almeno due o tre volte per apprezzarlo in pieno,la musica ti trasporta nella danza come di chi da solo vuole lasciarsi andare in preda ad una felicita’ piena,immagino che il testo del poeta ashcroft sia meraviglioso,e devo dire che i molti che non conoscono l’inglese apprezzano in parte il valore dell’artista che e’ musicista-poeta e quindi con il messaggio si valorizza al 100%.Richard con la sua musica fa lirica-poesia,parla al mondo attraverso il suo stato d’animo che e’ di milioni di persone e di altrettanti milioni che vogliono sentirsi dire che c’e’ una speranza di uscire da questo imbuto involutivo di sentimenti che muoiono,basta girare la chiave giusta:”quella del cuore”.Se qualcuno si prende l’onere di tradurre i suoi testi alfinche’ si possa comprendere il messaggio diamo la chiave di volta a questo musicista che puo’ diventare planetario,da parte mia puo’ da solista diventare il nuovo john lennon.,per cio’ che mi riguarda grazie richard delle emozioni che mi dai e che mi fanno sperare in un risveglio dei sentimenti,grazie ancora!!!!

  2. Non so’ se essere perplesso o stordito,da questo ”singolo”..Evitando paragoni impietosi con la sua carriera nei The Verve o con quella gemma di ”Forth” (ascoltatevi la psichedelica ”Columbo” o la stupenda ”Appalachian Springs”,una stretta al cuore..),ma andando indietro e facendo finta che ”RPA & United Nations Of Sound” NON sia mai esistito,ascoltatevi tracce memorabili pregne di significato come ”Human Conditions”,la sperimentale ”75 Degrees” o le ”recenti” ballate rock come ”Keys to the World” (che amo da morire..) o ”Why Nothing” per capire lo stacco evidente che le separa da queste nuove tracce..Richard è un genio-spavaldo a modo suo,e durante la sua carriera solista ha sempe cercato di rinnovarsi,fottendose di critiche negatice e vendite NON esaltanti,e per questo è da ammirare,ma per quel che vale la opinione di un suo fan,sia da solista che negli indimenticabili ”The Verve”,questo è troppo..se tutto l’album si basa su ritornelli super-dubbed,senza neache sentire in sottofondo una qualsiasi chittarra..non so’ cosa dire..di sicuro lo comprero’ per motivi di collezione (a prezzo ”discount”),ma riascoltatevi ”Keys to the World” o l’incompreso ”Human Conditions” per capire dove stà andando a finire..chissà forse dopo l’ennesimo flop,si ricongiungerà con Nick (e NIck lo aveva cercato invano pure per una ”collaborazione” con ”New Shores”..) e la fenice dei Verve risorgerà..
    ”Slipping out, slipping in and out of the dream”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...